Bip Mobile: Ripristinate le MNP in Uscita Fino al 15/03

L’AGCOM, intenta a grattarsi vigorosamente la pancia in questi giorni di rimodulazioni e servizi interrotti, ha rilasciato poche ore fa un comunicato ufficiale secondo il quale, grazie all’impegno profuso da Telogic, a partire dal 17 febbraio e fino al 15 marzo sarà ripristinato il servizio di portabilità in uscita (ma chiamiamola pure diaspora) da Bip Mobile.

L’Autorità informa i clienti della Società Bip Mobile, ai quali è stato interrotto il servizio dal 30 dicembre 2013 e che hanno vista inibita la portabilità del numero verso altro operatore mobile, che è stata predisposta una procedura straordinaria e temporanea, con la collaborazione di Telogic Italia e di tutti gli operatori di servizi mobili, per consentire ai clienti della Bip Mobile S.p.A. che lo desiderino di mantenere il proprio numero cambiando operatore. La procedura sarà pienamente operativa a partire dal 17 febbraio 2014.

Chi si trova ancora nel limbo, dunque, dovrebbe affrettarsi a presentare (o ripresentare) domanda di portabilità al gestore scelto entro il 15 marzo per riuscire a recuperare almeno il numero, dato che le possibilità, tanto accoratamente annunciate dall’operatore coyote, di una ripresa del servizio sembrerebbero praticamente nulle.
Poiché la procedura messa in campo riveste carattere straordinario e
comporta un impegno di risorse addizionali da parte degli operatori,
necessariamente limitato nel tempo, si invitano i clienti di Bip Mobile
che sono interessati a cambiare operatore conservando il proprio numero
ma che non hanno ancora presentato richiesta di portabilità, ad
effettuare tale richiesta entro e non oltre il 15 marzo 2014.
Circa il riconoscimento di un eventuale credito residuo in Bip Mobile, la situazione è ancora complessa e nebulosa. Tiscali Mobile continua a sostenere sul sito ufficiale un riconoscimento sottoforma di bonus in rate mensili da 5€, mentre Tre (H3G), che fino al 24 gennaio (data di blocco delle MNP da Bip) prometteva un corrispondente bonus a scadenza, sembra confermare il contenuto del suo Comunicato Stampa. Tim, Poste Mobile e Vodafone hanno riso e stanno ancora ridendo di gusto nel loro rifiuto al riconoscimento del credito, dal canto suo Wind sembra ci stia ancora pensando (e probabilmente deciderà dopo il 16 marzo…). Il dato più allarmante è però segnalato dagli utenti ancora bloccati in Bip, che, non potendo digitare altro che *131# (l’unica opzione ancora funzionante sulle Sim), raccontano di tagli o totali azzeramenti nel credito residuo.
Per quanto concerne il trattamento del credito residuo, la quasi
totalità degli operatori mobili ha sospeso, in ragione della situazione
venutasi a creare, l’accordo con la Società Bip Mobile in materia di
trasferimento del credito residuo.

La felicità è reale solo quando...
Condividimi!

Ti va di lasciare un commento?