Platealmente Perfido – In Sala dal 18 Giugno

Questa settimana Platealmente Perfido va in onda in forma ridotta (ovvero con un quantitativo di baggianate superiore alla media) a causa di uno sciopero del mio tempo libero, che sta causando non pochi disagi a tutte le cose che vorrei fare, vedere ed esprimere.

Per fortuna (e purtroppo) non tutte le settimane ci ritroviamo di fronte all’uscita di un film sui dinosauri. Quest’oggi, ad esempio, l’unico mostro grosso presente è Mark Ruffalo.

Non è comunque da addebitare allo scarso tempo la mancanza, in questa rassegna, di Torno Indietro e Cambio Vita, dato che tra i presupposti fondamentali di questo blog c’è il fingere che Carlo Vanzina non esista.

***

Bande De Filles – Diamante Nero – Girlhood

Diamante Nero è un film francese presentato lo scorso anno a Venezia che esce da noi in un momento nel quale la Francia ci sta fortemente sul culo. Sicuramente, però, i recenti fatti non sono da attribuire a Céline Sciamma (Tomboy) ed alla sua pellicola, che racconta di una giovane ragazza di colore che, in un quartiere sessista, si ritrova alla ricerca del suo posto nel mondo. Negli States la pellicola è stata apprezzata al punto tale da avere un Metascore di 85 ed un Tomatometer impazzito al 95%, ma io preferisco andarci piano, anche perché… vedete dinosauri qui?

***

Cybernatural – Unfriended

Con un Tomatometer al 61% ed un Metacriticometro a 59 punti, questa pellicola si è già beccata i fischi di chi ha avuto modo di vederla in anteprima. Peccato perché l’idea di fondo, pura consacrazione del mockumentary, sembrerebbe tutto sommato allettante: lo spirito di Laura, morta suicida un anno prima dopo la pubblicazione non autorizzata di un video su di lei, torna a perseguitare i suoi vecchi amici. I ragazzi, perennemente connessi via webcam, iniziano a cadere come mosche. Un’idea non male, si diceva, ma che già dal trailer lascia intuire l’andazzo. Peccato. Ah, già detto? Vabbé, semaforino giallo e basta.
***

Hot Pursuit – Fuga in Tacchi a Spillo

Fuga in Tacchi a Spillo racconta la storia di Claire (Bryce Dallas Howard), che si ritrova a dover correre in giro con i tacchi per sentieri impervi mentre è in atto una lotta tra creature mesozoiche e creature ricombinanti. No, non è vero, ma visto il Metapunteggio a 30 ed una Pomodorata al 7% (settepercento!) probabilmente la mia idea si sarebbe rivelata più interessante. Ci sono Reese Whiterspoon e Sofia Vergara e peggio per loro.

***

Infinitely Polar Bear – Teneramente Folle

Mark Ruffalo è un uomo problematico più o meno sempre e ovviamente lo è anche in questa pellicola, ambientata nella Boston del 1978, in cui interpreta Cam, un padre malato che costringe suo malgrado la moglie Maggie (Zoe Saldana) e le due figlie a cambiare radicalmente tenore di vita. La storia è in realtà l’autobiografia dell’infanzia di Maya Forbes, regista dell’opera. Metascore a 65, Pomodorometro all’82%. Ma vedete dinosauri qui? No? Allora semaforino giallo sia.

***

Kill the Messenger – Le Regole del Gioco

Kill the Messenger racconta il momento storico della dismissione di uno dei più importanti programmi di messaggistica istantanea per Windows. No, non è vero, Kill the Messenger racconta cose molto meno interessanti che riguardano la CIA, il Nicaragua e la droga. Ho detto droga? Sì, c’è Ray Liotta. E dove c’è Liotta, il più delle volte c’è Andy Garcia, anche se il vero protagonista qui è Jeremy Renner. Checcarino, Jeremy Renner, con quella faccetta un po’ irlandese, anche se poi è di Modesto, California, ma vabbé, è irlandese mitocondriale. Divagazioni a parte, Metascore a 60, Tomatometer a 77%. Non sapendo a chi credere, io passo ancora una volta con il giallo, anche se, se riuscissi a vederne almeno uno, probabilmente è qui che mi butterei.

***

Nessuno Siamo Perfetti

St’anacoluto di film, diretto da Giancarlo Soldi, è un realtà un biopic su Tiziano Sclavi, uno a cui da pischelletta volevo un gran bene in quanto fan sfegatata di Dylan Dog. Comunque ho controllato: Sclavi è ancora vivo, nel caso in cui, come me, ve lo foste chiesto. Semaforino giallo nonostante quel titolaccio lì, va. Ma cose da pazzi, signora mia.

***

Ci scusiamo per il disagio.

(Sì, sto segretamente pensando di adottare il dinosaurometro).

La felicità è reale solo quando...
Condividimi!

2 Commenti:

  1. Mr Ink 18 giugno 2015
  2. Bara Volante 18 giugno 2015

E tu cosa ne pensi?