The Green Inferno – Trailer #1

Mentre nel mondo si parla del Festival di Cannes e del cinema d’autore, quel fetentone di Eli Roth (Cabin Fever, Hostel) diffonde il primo trailer della sua ultima (mostruosa) creatura: The Green Inferno, che sembrerebbe – anche stilisticamente – strizzare ben più di un occhio al Cannibal Holocaust di Ruggero (altro fetentone) Deodato, nel quale “The Green Inferno” era il titolo del documentario nel documentario.

La pellicola di Roth racconterà la storia un gruppo di studenti newyorkesi che si reca in Amazzona per protestare contro l’abbattimento delle sue foreste e tutelare una tribù locale altrimenti destinata all’estinzione. Dopo un’azione di sabotaggio e dopo aver raccolto materiale video sufficiente a denunciare la situazione ai media, gli attivisti restano bloccati in loco a causa di un guasto aereo. I poveri malcapitati studenti saranno così recuperati da un gruppo di indigeni, ai quali la carne umana non sembra fare tanto schifo.

Girato con pochi spiccioli (si fa per dire, sono comunque sei milioni di dollari…) e con intenti tra il citazionismo e il parodistico, The Green Inferno promette sangue, trash e gore, sebbene non sia chiaro se la tecnica di ripresa utilizzata sia, anche parzialmente, il mockumentary o meno. Quello che è chiaro, invece, è che Ruggero Deodato è incavolato abbestia e che già si parla di un sequel, dal titolo Beyold The Green Inferno.

La data d’uscita negli U.S.A. è attualmente prevista per il 5 Settembre 2014, circa un anno dopo la sua presentazione al Toronto International Film Festival.

Ehi, grazie di aver letto sin qui. Se questo post ti è piaciuto, puoi supportarmi facendolo girare sui social e sul webbe, perché sì la felicità è reale solo quando...

Condividimi!

8 commenti

  1. Maura 20/04/2014
    • StepHania Loop 22/04/2014
  2. Frank Romantico 22/04/2014
    • StepHania Loop 22/04/2014
  3. Mr Ink 22/04/2014
    • StepHania Loop 22/04/2014
    • Mr Ink 23/04/2014
    • StepHania Loop 29/04/2014

E tu cosa mi dici?

Per commentare ti basta inserire i dati contrassegnati dall’asterisco e, se ti va, la url del tuo blog. Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato né usato per altri scopi, giurin giurello. Facendo click su “pubblica il commento” accetti il trattamento dei dati inseriti come descritto nella privacy policy. Ogni commento è prezioso per me. Grazie.