The Mist, il film: quanta nebbia tutto intorno e ancor più in là

Per il ciclo Notte Horror 2018 parliamo di The Mist, il film di Frank Darabont del 2007 che ci ha insegnato che il fanatismo religioso fa più paura di tentacoli dentati e insettoni giganti.

L’estate, il caldo e le zanzare giganti, almeno su questi lidi, hanno anche un aspetto positivo che risponde al nome di Notte Horror on the Blog.

L’iniziativa, nata cinque anni fa dalla passione di un gruppo di cinefili che guarda con nostalgia al ciclo Notte Horror dei tempi che furono, è partita il 10 luglio e proseguirà fino al 28 agosto. Ogni martedì sera due diversi blog, in differenti orari (21 e 23), hanno affrontato ed affronteranno un film dell’orrore secondo il calendario che trovi più giù.

Qui e adesso trattiamo The Mist, il film di Frank Darabont, non quella scorreggia di serie tv tirata fuori da Spike qualche mese fa.

The Mist, la recensione del film di Frank Darabont.

The Mist è un film horror del 2007 scritto e diretto da Frank Darabont, tratto da un racconto di Stephen King ed interpretato da Thomas Jane, Marcia Gay Harden, Laurie Holden e Toby Jones.

The Mist, la recensione del film: quando il fondamentalismo spaventa più di tentacoli dentati, vesponi, draghetti e ragni giganti (messi insieme)

Quando ho scelto questo film per il ciclo Notte Horror ero convinta fosse più vecchio di quel che è. The Mist è del 2007, ha appena 11 anni, eppure sì, ne dimostra di più. Come mai? Beh, alla fin fine è un horror low budget, dettaglio che relega i fondi per la CGI al di fuori della casellina “wow”. Ma non è questo, non solo almeno. The Mist è anche un horror classico con una struttura… classica.

Mi spiego.

A dirigere c’è la solida mano di Frank Darabont, una mano un po’ vecchia scuola (che gli Dèi benedicano la vecchia scuola!) che non si nasconde; che l’orrore lo vuole mostrare, perché ogni lasciata (fuori campo) è persa. Darabont voleva, cercava questo effetto “retrò”, tant’è che vero che per un po’ gli era venuta la fissa di girarlo in bianco e nero, questo piccolo grande film che doveva sembrare degli anni ’80.

Non dimentichiamoci che il panorama horror del 2007 proponeva Rec (♥), Paranormal Activity, Planet Terror, 28 Settimane Dopo ed un mucchio di altra roba dove si corre, si guizza, si salta, con la macchina da presa… e sulla poltroncina. E il buon Frankie ke fa?!? Frank Darabont, in 126 minuti, non ci infila nemmeno un jump scare.

Darabont è un po’ come quei cantanti italiani in bianco e nero, quelli con il vocione che partono dritti, sapendo che alla nota ci arrivano senza bisogno di andare in falsetto o di fare il vibrato o tutti quei dannati ghirigori con la voce. La nota sta lì, loro ci arrivano. In questo caso è l’orrore che sta lì, ma Darabont ci arriva?

Oh sì, secondo me sì.

The Mist, la recensione del film con Thomas Jane e Marcia Gay Harden.

Tratto da un qualcosa di Stephen King

Eh già, non poteva non esserci il suo zampino. La Nebbia è un racconto lungo barra romanzo breve scritto da Stephen King nel 1976. Nella realtà si tratta di un’opera di 125 pagine, ma poiché è firmata da King e pesa meno di 7 kg allora no, non può essere semplicemente un racconto o un romanzo, deve avere un aggettivo.

Dove andremo a finire, signora mia.

Ad adattare questo “qualcosa” di King per il cinema è stato lo stesso Darabont, che tagliando qui e lì ha seguito piuttosto fedelmente l’opera letteraria, eccezion fatta per il finale. Ah già, il finale. Ne parliamo tra poco, promesso.

Ovviamente King ha dichiarato di amare il finale ideato da Darabont e di rimpiangere di non averci pensato lui stesso. Se ci rifletti un attimo, King ha detto la stessa cosa di tutte le sue trasposizioni cinematografiche a cominciare da Carrie.

Beh, di tutte tranne Shining, perché niente oh, Shining proprio gli stava sul culo. Pazienza.

The Mist, la trama del film

A Bridgton, nel Maine (ma va?!), un violento temporale porta a passeggio gli alberi, distrugge le rimesse e causa danni alla linea elettrica. Passata la bufera, alcuni cittadini si precipitano al supermercato locale per fare provviste. Tra questi vi sono il nostro protagonista David Drayton (Thomas Jane), suo figlio Billy, la simpatica e posata Signora Carmody e metà del cast di The Walking Dead.

D’un tratto una fitta nebbia avvolge la poco ridente cittadina, impedendo la visuale oltre le vetrine del negozio. Poco dopo il buon vecchio Dale di TWD (Jeffrey DeMunn) fa irruzione, coperto di sangue, blaterando che “qualcosa, qualcosa nella nebbia” porta via le persone. Carol di The Walking Dead (Melissa McBride), pensando di rientrare subito, ha lasciato i figli a casa da soli (la più grande ha otto anni) e senza pensarci troppo imbocca la porta e se ne va. Andrea di TWD (Laurie Holden) invece resta, per questo le viene assegnato un ruolo importante: quello di Amanda Dunfrey, un’insegnante da poco arrivata in città.

The Mist, Melissa McBride (Carol in The Walking Dead) interpreta un personaggio secondario.
Guarda i fiori, Lizzie.

Non ci vorrà molto per capire che Dale (che qui però si chiama Dan) ha ragione: c’è qualcosa nella nebbia, qualcosa che morde, stritola, trancia. C’è di tutto nella nebbia, ma non tutti sono disposti a crederci, anche di fronte all’evidenza. Ed è proprio “credere” il verbo adatto: nel giro di poco le persone nel supermarket (che dovrebbero restare unite e far fronte comune al pericolo) si dividono in tre gruppi: credenti, non credenti ed empiristi.

Difatti gli screzi tra gli abitanti della piccola comunità rinchiusi all’interno non tardano ad affiorare. Ci si pungola, ci si minaccia, forse ci si uccide. Come nella più classica tradizione horror (e tiro in ballo La Notte dei Morti Viventi), d’un tratto non si capisce più chi siano i mostri. Sono quelle orribili creature all’esterno o le affabili persone che abbiamo di fianco? Perché quelli là fuori sono animali (molto poco terreni ma pur sempre animali) e seguono la loro natura. Ma noi, noi qui dentro, noi siamo esseri umani. Evolutissimi, civilizzatissimi, globalizzatissimi esseri umani. Qual è la nostra natura?

Frank Darabont ♥

C’è chi dice che Darabont debba la sua carriera a Stephen King, dato che i suoi maggiori successi sono stati Le Ali della Libertà ed Il Miglio Verde, entrambi tratti da opere del Re del Brivido. E per carità, in parte sarà vero, com’è vero però che Frank Darabont è il più fedele adattatore di King e della sociologia dei suoi personaggi. Perché sì, King ha avuto (anche) delle ottime trasposizioni, firmate da grandi artisti, ma nessuno riesce a rendere i suoi protagonisti con pochi secondi e pochi dialoghi come fa Darabont.

Difatti in The Mist nell’arco di pochissimo già familiarizziamo con l’indole del nostro David e quella del suo odioso vicino, diffidiamo da subito dei militari e sopratutto guardiamo con sospetto alla Signora Carmody, interpretata da una Marcia Gay Harden in grado di togliere il sonno. Ci bastano pochi minuti per sentirci all’interno del supermercato assieme a loro, ci bastano pochi dialoghi per comprendere che il pericolo derivante dal fanatismo religioso non solo compete, ma supera quello derivante dai mostri esterni.

The Mist: Thomas Jane, Laurie Holden e gli altri membri del cast.

The Mist, il finale del film

Il romanzo barra racconto di Stephen King ha un finale sospeso, che si interrompe quattro giorni dopo la tempesta senza sviscerare il destino dei protagonisti. Il film di Frank Darabont si spinge oltre di appena 5 minuti, ma si tratta di 5 minuti in grado di fare la differenza. Siamo abituati ai finali aperti ed ai cliffhanger, non lo siamo ai finali che non danno né scampo né speranza. Quello di The Mist è uno dei finali più bastardi della storia del cinema, uno di quei finali che ricordi e ricorderai sempre.


E questo è più o meno tutto. Cosa ti è piaciuto del film The Mist? Ti piacerebbe leggere un post dedicato al suo finale? Se ti va, fammelo sapere nei commenti e ricorda che puoi votare questo film commentando o semplicemente inserendo da 1 a 5 stellette alla voce “voto dei lettori” nella review qui sotto. Nel frattempo puoi dare uno sguardo alle precedenti edizioni di questa iniziativa (qui nel box verde) o scorrere giù giù a vedere quali amichetti hanno partecipato a questa edizione.

The Mist, la recensione del film
The Mist, il film: il poster ufficiale.

Titolo originale: The Mist

Descrizione: La recensione di The Mist, il film di Frank Darabont che ci ha insegnato che il fanatismo religioso fa più paura di tentacoli dentati e insettoni giganti.

Data d'uscita: 2008-10-10

Regia di: Frank Darabont

Cast: Marcia Gay Harden, Thomas Jane, Laurie Holden, Toby Jones

Genere: horror, drama

Durata: 127 minuti

Paese: Stati Uniti

  • sceneggiatura
  • originalità
  • regia
  • fotografia
  • recitazione
  • cuore
3.3

in sintesi

The Mist ha appena 10 anni, ma ne dimostra (volutamente) di più. Il film di Frank Darabont, tratto da La Nebbia di Stephen King, ha quel sapore retrò degli horror che vogliono mostrare l’orrore in pieno campo; ha quel retrogusto vintage che affronta i mostri fuori per farci aver paura dei mostri dentro; ha un finale spietato, amarissimo, il più bastardo della storia del cinema.

Pro

  • la caratterizzazione dei personaggi;
  • una Marcia Gay Harden da togliere il sonno;
  • il finale più bastardo della storia del cinema.

Contro

  • mpf, metà del cast di The Walking Dead;
  • gli effetti speciali un po’ rudimentali.
Sending

Voto dei lettori

(clicca sulle stelline per votare)

4 (1 voto)

Voto dei commentatori

(lascia un commento con la tua valutazione)

0 (0 recensioni)

Notte Horror on the Blog 2018

10 luglio

Ore 21:
Il Bollalmanacco di Cinema
Re-Animator

Ore 23:
La Bara Volante
La Notte dei Demoni

17 luglio

Ore 21:
Combinazione Casuale
La Chiesa

Ore 23:
Solaris
Darkman

24 luglio

Ore 21:
La Stanza di Gordie
Horror in Bowery Street

Ore 23:
The Obsidian Mirror
The Fog

31 luglio

Ore 21:
Non C’è Paragone
Chi è Sepolto in Quella Casa

Ore 23:
White Russian
Scanners

7 agosto

Ore 21:
In Central Perk
The Blair Witch Project

Ore 23:
La Fabbrica dei Sogni
L’Incendiaria

14 agosto

Ore 21:
Stories
The Final Destination

Ore 23:
Delicatamente Perfido
The Mist

21 Agosto

Ore 21:
Pietro Saba World
La Mosca

Ore 23:
La Collezionista di Biglietti
The Devil’s Candy

28 Agosto

Ore 21:
Redrumia
Splatters

Ore 23:
Director’s Cult
Suspiria

Ehi, grazie di aver letto sin qui. Se questo post ti è piaciuto, puoi supportarmi facendolo girare sui social e sul webbe, perché sì la felicità è reale solo quando...

Condividimi!

6 commenti

  1. Kris Kelvin 15 Agosto 2018
  2. Obsidian M. 15 Agosto 2018
  3. Alfonso 15 Agosto 2018
  4. Massimiliano 15 Agosto 2018
  5. Massimiliano 16 Agosto 2018
  6. Pietro Sabatelli 17 Agosto 2018

E tu cosa mi dici?

Per commentare ti basta inserire i dati contrassegnati dall’asterisco e, se ti va, la url del tuo blog. Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato né usato per altri scopi, giurin giurello. Facendo click su “pubblica il commento” accetti il trattamento dei dati inseriti come descritto nella privacy policy. Ogni commento è prezioso per me. Grazie.

Sending