Upfront 2014/2015 – FOX

E anche FOX ha avuto ieri il suo Upfront, mentre oggi toccherà alla ABC, domani alla CBS e dopodomani a The CW. Come successo per la NBC, la mannaia cade su diverse serie che resteranno ferme ad una sola prima stagione: FOX infatti ha cancellato Almost Human, Dads, Enlisted, Rake, Surviving Jack e Us & Them. Tra le vecchie glorie a cadere è Raising Hope, che si ferma a quattro stagioni.

Sono invece state rinnovate Bones, Brooklyn Nine-Nine, Glee, The Following, The Mindy Project, Sleepy Hollow, oltre ovviamente a Griffin e Simpson. E’ stata, nonostante tutto, una stagione piuttosto infruttuosa per la FOX, che ha visto crollare gli ascolti di The Following e, tra le tante novità proposte lo scorso anno, raccogliere consensi solo riguardo Brooklyn Nine-Nine e Sleepy Hollow.

Anche per questo mancato successo, probabilmente, il numero di nuove serie ordinate dall’emittente sale a undici. Oltre alle comedy The Last Man on Earth, Mulaney, Weird Lones, e ai drama Empire e Red Band Society, nella prossima stagione televisiva di FOX avremo a che fare con:

Backstrom
L’ennesimo procedurale con un detective sopra le righe o un buon prodotto ispirato ad una serie di romanzi piuttosto apprezzati? Difficile a dirsi, anche se il trailer sembrerebbe suggerire la prima ipotesi. Ideato dallo sceneggiatore di Bones, Hart Hanson, Backstrom, inizialmente corteggiato dalla CBS, è tratta dai romanzi dello scrittore e criminolo svedese Leif G. Persson, al quale dobbiamo il personaggio di Everett (Rainn Wilson), detective fortemente antisociale, che, dopo un esilio di ben cinque anni alla Stradale per comportamento inadeguato, sarà richiamato al Portland P.D. e messo a capo di una squadra di indagini sui crimini più complessi ed efferati.

***

Gotham

Questa nuova serie, scritta e prodotta da Bruno Heller (The Mentalist) racconta – ovviamente – le origini della storia di Gotham City, del Commissario James Gordon, di una giovanissina Catwoman, di un altrettanto giovine Mister Pinguino e delle indagini sull’omicidio di Thomas e Martha Wayne, anni prima del rising di Batman. Gordon sarà impersonato da Benjamin McKenzie, Bruce Wayne ancora piccino da David Mazouz, E’ Batman, non potrà certo reggere il confronto con Nolan, ma fosse pure il peggior Batman di sempre, chi ha il coraggio di perdersi il pilot?

***

Gracepoint

Ed ecco qui il tasto dolente: Gracepoint è il remake della serie inglese Broadchurch, andata in onda su ITV poco più di un anno fa, che su queste misere pagine si beccava quattro stelle, il terzo posto come miglior nuova serie e il sesto posto del classificone 2013/14. Broadchurch era già una serie appassionante, focalizzata e devastante e, come se non bastasse, era già una serie inglese, non israeliana, non spagnola. Era inglese. Perché farne un remake americano? Lo sa la FOX che, per quanto tu possa sforzarti, la tua pasta al forno non sarà mai buona come quella di mammà? No, non lo sa. Infatti mette nel ruolo del detective protagonista, il cui nome passa da Alex Hardy a Emmett Carver (perché?), lo stesso David Tennant della serie originale e rimpiazza l’immensa Olivia Colman che aveva vestito i panni della Detective Ellie Miller (il cui nome resta invariato) con Anna Gunn (Skyler di Breaking Bad), che, per quanto brava, la pasta al forno non la farà mai come quella di mammà. Dirige James Strong (toh, Broadchurch), scrive Chris Chibnall (toh, Broadchurch). I produttori hanno promesso un finale diverso, ma il colore con il quale è vestita la madre di Danny (che forse non si chiama più Danny) quando corre lungo la strada bloccata dalle pattuglie della polizia, accorse per il ritrovamento di un cadavere, è lo stesso. Ah, scordiamoci il british humour.   

***

Hieroglyph

Scartata nel 2013, ce l’ha fatta quest’anno la nuova serie fantasy-storico-qualcheccosa di FOX, creata da Travis Beacham (sceneggiatore di Pacific Rim), che racconterà la storia di Ambrose (Max Brown), abile ladro scarcerato al fine di assecondare le smanie di potere del faraone e di incastrare un altro ladro, saccheggiatore di piramidi. Faraone? Piramidi? Sì: siamo nell’Antico Egitto e il trailer non promette niente di buono…

***

Wayward Pines

Riuscirà la FOX a farsi perdonare l’irrispettosa Gracepoint tirando in ballo il nome di M. Night Shyamalan? Beh, se c’è Sciamalanna, anche in veste di produttore esecutivo, io dimentico tutto, davvero. Wayward Pines, tratta dall’omonimo romanzo di Blake Crouch e chiaramente ispirata a Twin Peaks, racconta la storia dell’agente segreto Ethan Burke (Matt Dillon), che, alla ricerca di due agenti federali scomparsi, approda nella surreale cittadina di Wayward Pines (Idaho), abitata da personaggi surreali e misteriosi. Ideata
da Chad Hodge e prodotta da Shyamalan (l’ho già detto?), Wayward Pines vedrà alternarsi a Matt Dillon Carla Gugino, Melissa Leo e Juliette Lewis.
La felicità è reale solo quando...
Condividimi!
Evernote

Lascia un Commento