La Vedova Winchester, il film: trama, finale e abusivismo edilizio

La Vedova WInchester, il film: trama, finale e abusivismo edilizio.

La Vedova Winchester è un horror diretto dai fratelli Spierig uscito in sala il 22 febbraio 2018. Il film, con protagonista Helen Mirren, è ispirato alla vera storia di Sarah Winchester, che per ben 38 anni portò avanti la costruzione di un’immensa magione atta ad ospitare gli spiriti delle persone uccise dalle carabine Winchester.

Michael e Peter Spierig portano in sala un horror basato su fatti reali che vede Helen Mirren nel ruolo di Sarah Winchester, vedova del magnate della Winchester Repeating Arms. Se leggi queste pagine, sai già che nel 1884 la vedova Winchester iniziò la costruzione di un’immensa magione i cui lavori si protrassero fino alla sua morte, nel 1922.

Secondo alcune dicerie popolari, infatti, la vedova Winchester credeva che la sua famiglia fosse stata maledetta dagli spiriti delle persone uccise per mezzo della sua fortuna, i fucili Winchester. Una medium le consigliò così di spostarsi verso ovest e di costruire una casa che potesse ospitare questi spiriti irrequieti. La stessa medium disse a Sarah Winchester che i lavori di costruzione non si sarebbero mai dovuti fermare oppure…

Il film dei fratelli Spierig rielabora questa storia, aggiungendovi un dettaglio: ogni camera (delle circa 500) della casa è l’esatta ricostruzione della stanza nella quale lo spirito è stato ucciso; una volta che lo stesso spirito -dopo aver concesso il perdono ai Winchester- è pronto per passare oltre, la sua stanza può essere smantellata per fare spazio alla prossima ammenda.

La Vedova Winchester, la trama del film

Il Dottor Eric Price (Jason Clarke) viene ingaggiato per redigere una relazione sullo stato di salute mentale di Sarah Winchester, che, dopo la morte del marito, detiene il 50% della Winchester Repeating Arms.

Giunto a San José, in California, Price fa la conoscenza della nipote di Sarah, Marion (Sarah Snook), e di suo figlio Henry, che sembra essere vittima di stati di sonnambulismo. Le stranezze di Henry vengono attribuite alla recente morte del padre, che è solo uno dei membri della famiglia passati a miglior vita: Sarah Winchester ha infatti dovuto sopravvivere alla morte del marito William ed a quella della figlia, Annie.

Prima ancora di incontrare la vedova, il Dottor Price sembra assistere ad eventi anomali, che inizialmente attribuisce alla scarsa lucidità dovuta all’assunzione di stupefacenti. Tuttavia, Eric dovrà ben presto dubitare della follia di Sarah Winchester, trovandosi faccia a faccia con i fantasmi della casa. Nel finale del film -che andiamo adesso ad analizzare- viene richiamato, imputandolo a cause soprannaturali, il terremoto di San Francisco del 1906, che fece crollare i piani superiori della Winchester House.

☛ Spoiler sul finale de La Vedova Winchester ☚

La Vedova Winchester: analisi e spiegazione del finale dell’horror ispirato alla vera storia della Winchester Mystery House

Il giardino d’inverno

Durante il film scopriamo che il Price è inspiegabilmente attratto dal giardino d’inverno della vedova Winchester, una serra adiacente alla casa la cui porta è sbarrata con un’asse e 13 chiodi. Noi spettatori vediamo un’ombra attraversare la stanza senza capire di chi si tratti, ma l’enfasi con la quale Eric è attirato da quel luogo cattura subito la nostra attenzione.

Nel finale Price, dopo aver sentito un pianto provenire proprio dalla serra, vi si precipita, eliminando la spranga messa a protezione della porta. Qui si trova faccia a faccia con sua moglie, Ruby, deceduta diversi anni prima. Fino a questo punto del film, tutto quello che avevamo visto di Ruby era una sua fotografia. Sapevamo però, dai dialoghi con Sarah, che Eric fosse vedovo e che fosse stato colpito al petto con un’arma da fuoco.

Come detto, nel film viene spiegato che ogni stanza della magione è costruita per ospitare uno spirito, riproducendo in maniera esatta la stanza nella quale questo è stato ucciso dalla carabina Winchester. Ogni porta è sigillata con 13 chiodi che intrappolano il fantasma all’interno della stanza, impedendogli di nuocere. Nella vita reale di Sarah Pardee Winchester il numero 13 era ricorrente, così come lo era e lo è nella struttura della Winchester House.

La Vedova Winchester: Eric Price e il giardino d'inverno

Ruby, la moglie di Eric Price

Il giardino d’inverno pertanto non è solo una serra, ma è la ricostruzione esatta della serra di casa Price. È in quella stanza che Ruby, moglie di Eric, dopo aver accidentalmente sparato al marito, si è tolta la vita.

Qui scopriamo che Ruby, proprio come Sarah Winchester, era in grado di comunicare con gli spiriti e che Eric non le aveva creduto, attribuendole un qualche tipo di disturbo mentale. Disperata, Ruby aveva per errore sparato al marito, colpendolo nel petto e fermandogli il cuore per tre minuti, per poi puntarsi lo stesso fucile Winchester alla testa e fare fuoco. Anche Ruby è stata, quindi, a modo suo una vittima dei fucili Winchester ed è per questo che il suo spirito vaga nella Winchester House, nel giardino d’inverno, esatta ricostruzione della serra nella quale è morta.

Sarah Winchester non solo è in grado di comunicare con gli spiriti, ma tiene un dettagliato registro di tutte le vittime dei fucili; per questo ha scelto personalmente il Dottor Price quando il Consiglio di Amministrazione spingeva per una sua valutazione mentale. Eric Price infatti, anche se per pochi minuti, è stato ucciso dall’arma da fuoco Winchester: questo particolare gli permette di poter vedere i fantasmi che abitano la magione. Inoltre ha conservato, come ricordo, il proiettile con il quale Ruby gli ha sparato, che -come vedremo tra poco- gli tornerà estremamente utile.

Alla fine del film il giardino d’inverno viene smantellato, poiché la sua ospite ha trovato la pace.

La Vedova Winchester, Helen Mirren e Jason Clark

L’assassino è il maggiordomo

Poco dopo il suo arrivo alla magione, Eric fa la conoscenza di un giovane maggiordomo che attira la sua attenzione. Lo stesso giovane si rifiuta di servire del vino ad Eric prima di cena, obbedendo alle ferree regole stabilite dalla vedova. Rivediamo lo stesso maggiordomo controllare, assieme ad un collega più anziano, la porta della stanza di Price quando a questi viene fatto espresso divieto di uscire dalla sua camera.

Quando la situazione inizia a scaldarsi, è lo stesso maggiordomo che accompagna Eric Price alla famosissima scala verso il soffitto. È qui che il giovane si gira mostrando il suo vero volto, deturpato e decomposto. Eh già: sin dall’inizio il giovane maggiordomo è sempre stato un fantasma ed Eric era l’unico in grado di vederlo.

Ma non è solo un fantasma, eh. È il fantasma del Caporale Ben Block (Eamon Farron), soldato confederato i cui fratelli sono stati uccisi dalle carabine dei Winchester. Dopo la perdita di entrambi i fratelli, Ben si recò in una sala d’esposizione dei fucili Winchester e lì per vendetta uccise 15 persone, prima di essere a sua volta freddato dalla polizia… con le carabine Winchester.

Le 15 vittime e la sua stessa morte, però, non hanno placato il rancore di Ben, che adesso si trova a Winchester House. La vedova ha fatto ricostruire, dietro le sue istruzioni, la stessa sala d’esposizione in cui Ben ha perso la vita e questo, purtroppo, lo ha reso ancora più forte. Le stranezze del piccolo Henry, difatti, poco hanno a che vedere con la dipartita del padre (del quale gli importa molto poco)…

Ben infatti riesce a prendere il controllo del corpo di Henry, nipote di Sarah, e tenta di uccidere la vedova lungo la famosissima scala a sette rampe. Non riuscendovi, la sua rabbia scatena quello che sembra essere un terremoto, liberando gli spiriti più violenti dalle loro stanze.

Il proiettile è la chiave per sconfiggere Ben Block

Eric e Sarah si ritrovano nella stanza dei fucili e, nel tentativo di sconfiggere Ben, vi si barricano chiudendo ogni accesso con i famosi 13 chiodi. Sarah si rende conto che il fantasma di Ben ha paura di qualcosa nella stanza ed inizialmente pensa si tratti del suo vecchio fucile, tuttavia quando Eric spara al fantasma entrambi si accorgono che non è il fucile la chiave per fermare Ben.

L’oggetto di cui lo spirito di Ben ha paura è il proiettile con cui Ruby aveva accidentalmente sparato a Eric. Eric non solo ha conservato quel proiettile, ma lo ha ricaricato ed vi ha inciso le parole “together forever” in ricordo della moglie. Eric carica quindi il fucile con quel preciso proiettile e spara a Ben, mettendo fine alla sua pena ed a quella dei suoi simili, che nel frattempo insidiavano Marion ed il piccolo Henry.

Ciò che avrebbe dovuto ucciderlo fu la sua salvezza.

Il film La Vedova Winchester punta quindi al simbolismo, ponendo alla base dell’exploit finale il proiettile di Price, l’ultimo elemento che lo lega al suo passato ed a sua moglie. Non vi è pertanto la minima condanna all’uso delle armi da fuoco -come mi sarei aspettata- anzi, è con un proiettile (e quindi con un fucile) che si uccide lo spirito della vittima del fucile…

Gli istanti conclusivi de La Vedova Winchester

La perizia del Dottor Eric Price definisce la vedova Winchester come fisicamente e mentalmente sana. Negli istanti conclusivi, dopo il congedo di Price e quando il Male sembra essere definitivamente sconfitto, vediamo di nuovo i chiodi delle assi poste a barricata delle porte cadere in terra, spinti dall’interno. Che a Winchester House vi sia un altro spirito irrequieto pronto pronto a farsi sparare?

Io spero proprio di no.


E questo è quanto. Cosa pensi del finale de La Vedova Winchester? Ha soddisfatto le tue aspettative o, come me, pensi che con una storia del genere si potesse fare molto di più? Fammelo sapere nei commenti e ricorda che, se ti va, puoi votare il finale del film commentando o semplicemente attribuendo da 1 a 5 stelline alla voce “voto dei lettori”.


La Vedova Winchester, il finale del film
La Vedova Winchester, il poster del film.

Titolo originale: Winchester - The House That Ghosts Built

Descrizione: Analisi e spiegazione del finale del film La Vedova Winchester, l'horror dei fratelli Spierig ispirato alla vera storia di Sarah Winchester ed alla sua enorme magione costruita per ospitare gli spiriti.

Data d'uscita: 2018-02-22

Regia di: Michael Spierig, Peter Spierig

Cast: Helen Mirren, Jason Clarke, Sarah Snook, Eamon Farren

Genere: horror, ghost story

Durata: 99 minuti

Paese: U.S.A., Australia

  • storia
  • tecnica
  • finale
  • impatto
2.2

in sintesi

Immersa nella sua vasta villa californiana, l’eccentrica ereditiera delle armi da fuoco Sarah Winchester crede di essere perseguitata dalle anime delle persone uccise dal fucile Winchester.

Sending

Voto dei lettori

(clicca sulle stelline per votare)

0 (0 voti)

Voto dei commentatori

(lascia un commento con la tua valutazione)

0 (0 recensioni)

Ehi, grazie di aver letto sin qui. Se questo post ti è piaciuto, puoi supportarmi facendolo girare sui social e sul webbe, perché sì la felicità è reale solo quando...

Condividimi!

E tu cosa mi dici?

Per commentare ti basta inserire i dati contrassegnati dall’asterisco e, se ti va, la url del tuo blog. Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato né usato per altri scopi, giurin giurello. Facendo click su “pubblica il commento” accetti il trattamento dei dati inseriti come descritto nella privacy policy. Ogni commento è prezioso per me. Grazie.

Sending